venerdì 27 aprile 2007

MDZ

A volte mi fermo a guardare in faccia la gente, soprattutto mentre fa acquisti. Non avendo studiato Sociologia, mi perdo in considerazioni un po’ spiccie, diciamo da bar.

L’avevo fatto con l’Hard Discount e con il periodico di annunci gratuita “La Bacheca”, trovando la cosa piuttosto divertente.

Mi mancava un altro fenomeno social-consumistico, che vanta radici antiche e una tradizione dura a morire [se pur in rotta di collisione col commercio cinese]: l’MDZ, ovvero il mercato del giovedì mattina a Trento. Ora, non vorrei parlarne con toni entusiastici, è semplicemente un mercato di una piccolà città di provincia e non vi si vendono nemmeno prodotti tipici: quindi nessun aura poetica, only fuckin' business :)

Però ne parlo perché ammetto di non aver MAI fatto un solo acquisto al mercato. MAI. Nemmeno le patatine fritte marinando la scuola a 15 anni [NB: anche le prof quando hanno un’ora buca passano per l’MDZ, tenetelo a mente, sbagliando s’impara...].
Mai, fino ad oggi, quando una guida d’eccezione mi ha introdotto nel sistema: mi servivano un paio di cose "da battaglia", cioè di qualità opinabile ma a prezzo minimo.

Finora lo avevo attraversato frettolosamente, e tornerò a farlo. Però mi è piaciuto farmi portare a spasso, farmi spiegare dove si compra questo, quest’altro, come funzionano certe dinamiche…
Mi è piaciuto guardare la gente [maggioranza femminile schiacciante] gestirsi parlare e atteggiarsi diversamente col cinese che vende tovaglie, coi veneti delle piantine e con le sudamericane delle magliettine sexxxxxxxy. Guardare le casalinghe, gli studenti a spasso, gli stranieri. Chi cazzeggia, chi guarda ma non compra, chi crede di far grandi affari.

In certi casi, sembrava di vedere un branco di tonni colto da frenesia alimentare :)

Ah, dimenticavo, non ho trovato conferma al luogo comune che vede il mercato come terreno di pascolo per i borseggiatori. Per fortuna.


ps.: MDZ = mercà del zòbia = mercato del giovedì

giovedì 26 aprile 2007

Questo post potrebbe avere tanti titoli

Il 5 per mille...a chi darlo?
... o
Global warming e altre catastrofi
... o
Post eco-impegnato
... o
Oggi parlo del WWF

[ok, stamattina mi son dimenticato di spalmare un po' di fantasia sulle fette biscottate]



Fatto sta che il WWF ha mappato alcune situazioni a rischio. Il fatto che siano lontane potrebbe farci preoccupare meno del dovuto…ognuno è portato a pensare al proprio orticello.

Ok, pensiamoci.

Quand’ero piccolo l’estate la sera giravano le lucciole. Ci sto sempre attento ma da tempo non mi capita di rivederle. Vorrà pur dir qualcosa.

Siamo in periodo di dichiarazione dei redditi...so che il mondo così com'è è un colabrodo e più che donare il 5 per mille ci vorrebbe il 5 miliardi percento, ma se proprio non sapete a chi darlo...

martedì 24 aprile 2007

Mancano 47 giorni alla...

...non ve lo dico...però mi incuriosiva questo conto alla rovescia :)

lunedì 23 aprile 2007

23 aprile 2007 giornata mondiale del libro

Dimenticavo . . . . . . . oggi è la "Giornata mondiale del libro e del [ehm!] diritto d'autore"!

Colgo l'occasione per chiedere aggiornamenti sulla minaccia di qualche tempo fa: far pagare una tassa anche sui libri presi in prestito.
Se ci son stati sviluppi, me li sono persi, e continuo tranquillamente a saccheggiare la mia biblioteca di fiducia :)

Poi, un giorno, magari, mi arriverà una mega-bolletta che mi costringerà a scappare in Messico sotto falso nome ;)

Teletàbis alla conquista del mondo :)

Titolo un po' così, per linkare l'ennesima fatica [?] di Supermario

Supermario Trento viste le richieste, propone due nuove avventure dei teletubbie deficenti! Buona visione con "Po e la Vinavìl" e "Voia de pizza...." Grazie a tutti e fe polìto!!

www.cammina.it

L'altro giorno ho conosciuto [OK, ci siamo scambiati poche e-mail...ma vale come "aver fatto conoscenza" vero?] l'ideatore di un sito che guardo da anni: ok, grafica spartana, foto piccoline e un po' sgranate, chiamiamolo il fascino lo-fi della montagna!

Sono i contenuti la forza del sito.

Potrei scriverne più diffusamente, ma perché rubarvi tempo per andare a vederlo?

Playoffs NBA

Con qualche giorno di ritardo [prima che sia troppo tardi...] pronostico i playoff NBA: primo turno.

EST

New Jersey – Toronto
Facendo il tifo per il nostro Andrea Bargnani dico Toronto. Serie equilibrata, anche se chi vince si ferma al prossimo turno…

Detroit – Orlando
Pronostico chiuso, dopo l'arrivo di Webber per Orlando non vedo prospettive.

Cleveland – Washington
Sarebbe stata una bella serie se Arenas [quello che gioca con il numero zero, vedi pubblicità televisiva di Ad***s] e Butler di Was non fossero KO.

Chicago – Miami
In bilico, controcorrente dico Chicago

OVEST

Dallas – Golden State
Una formalità. Per Dallas. Anche se il primo match non è stato di questo avviso...

Phoenix – Lakers
Molta incertezza, probabilmente passerà Phoenix ma credo che dovrà sudarsela.

San Antonio – Denver
Qui il discorso sarebbe lungo; spero che passi Denver anche se non succederà. La difesa farà la differenza.

Houston – Utah
Due campionissimi con qualche acciacco, Yao e McGrady...vado con Utah

venerdì 20 aprile 2007

Tristissimo

Una giornata stupenda oggi al lago.

Se non che, con metri di spiaggia libera, una coppia di mezza età sceglie di piazzarsi ad un metro da me che me ne stavo tutto concentrato su un manuale sulle WLAN.

Una coppia di separati, o amanti, credo, visto che ognuno parlava delle rispettive figlie...ahimè...da maritare [come si diceva una volta]

L'uomo sperava che quel "Luca" che la figlia sta nominando da un paio di mesi sia uno coi soldi, per starle dietro e alleggerirgli [a lui, padre] il fardello economico.

Non potevo crederci, non riuscivo a non ascoltare.

Che pallosi.

Ape

Stavo guidando in città: una fila di linee blu ai lati, parcheggi a pagamento.

Ad interromperli 4-5 linee perpendicolari ancora bianche, ravvicinate: gli spazi [gratuiti] per le moto. Unico mezzo posteggiato, a pelo nelle linee, una favolosa Ape di una certa età.

Peccato non aver avuto la possibilità di fotografare...le mie parole non rendono la scena :)

NB: questa foto è di repertorio

giovedì 19 aprile 2007

Come farsi commentare i post?

Il blog talvolta mi regala qualche bella soddisfazione. Mi rendo conto che le tematiche che propongo non hanno molto appeal, ma si fa il possibile, e comunque credo che la prima persona per cui si scriva, siamo noi stessi.
A volte la vita supera la fantasia, ma scrivere di sé stessi comporta il porsi dei limiti: ognuno di noi ha dei segreti.

Ringrazio chi interagisce con qualche commento, pochi ma buoni in realtà...e soprattutto affezionati, che è la cosa più importante.

Vediamo in chiave sociologic-chic, come dice il mio amico Zero, cosa potrei fare per aumentare il feedback con i gentili lettori :)

La maggior parte delle idee derivano dalla televisione moderna [e quindi son spazzatura, nemmeno di quella biodegradabile]

  • Scrivere post polemici
  • Pagare gli amici [in birra] per farli commentare…il vecchio trucco della claque trasportato su blog
  • Falsi eventi autobiografici
  • Inserire parolacce random
  • Dare del pirla a qualcuno (facendogli sapere dove e come può replicare…se tutto va come deve ne nascerà una diatriba che aumenterà fortemente l’audience)
  • Ospitare un tronista, un freak show o uno Sgarbi-contro-tutti, come ai tempi del “MauCostanzo sciò”
  • Invece che parlare del GF di Orwell, parlare dei tordi di Mediaset
  • Puntare sul nudo...un prodotto che tira sempre* :)


Direi che come sociologo è meglio Zero.


* [non occorre parlarne, basta scrivere "donna nuda" e i motori di ricerca vanno a nozze. Un esempio? "Nella Maya desnuda di Goya c’è una donna nuda"]

Ospiti

apemaia
Ma guarda te! Uno non va in cantina per un mesetto e quando torna ci trova dentro più clandestini che a Lampedusa...con tutto il rispetto s'intende...

mercoledì 18 aprile 2007

Blog-ricette [alcoliche]

Il periodo non è quello giusto, sta diventando troppo caldo per darsi a [questo tipo di] alcool…ma gli ingredienti son primaverili [bè...ormai si trovan durante tutto l'anno...e comunque mica saprei dove trovar la noce moscata se non al supermercato!]

Pazzi in Valsugana

Ieri Trick e Marco han fatto il primo bagno nel lago!

Io c'ho gli acciacchi quindi mi son astenuto :)

Italo Calvino – Marcovaldo

MarcovaldoSapevate che Calvino nacque a Cuba?
Che vi ritornò per sposare, a 41 anni, una donna argentina?
Che si iscrisse alla facoltà di Agraria dove il padre insegnava Agricoltura tropicale, ma virò verso lettere laureandosi con una tesi su Conrad?
Che eluse la chiamata alle armi diventando partigiano?
Che tradusse Queneau?
Che il fratello Floriano fu un geologo di fama europea?



Gli eroi moderni sono spesso la gente comune; Marcovaldo è decisamente un eroe, un travet che sbarca il lunario nella città grigia cercando nelle piccole cose, con inventiva, la forza per tirare avanti.

"Aveva questo Marcovaldo un occhio poco adatto alla vita di città: cartelli, semafori, vetrine, insegne luminose, manifesti, per studiati che fossero a colpire l’attenzione, mai fermavano il suo sguardo [...]. Invece, una foglia che ingiallisse su un ramo, una piuma che si impigliasse ad una tegola, non gli sfuggivano mai: non c'era tafano sul dorso di un cavallo, pertugio di tarlo in una tavola, buccia di fico spiaccicata sul marciapiede che Marcovaldo non notasse, e non facesse oggetto di ragionamento, scoprendo i mutamenti della stagione, i desideri del suo animo, e le miserie della sua esistenza."

Letto questo, che altro dire?

martedì 17 aprile 2007

Le 7 meraviglie

Ogni tanto mi stupisco che certe cose non le abbiano inventate prima. Il sito New 7 Wonders sta promuovendo un sondaggio per l’individuazione delle nuove 7 meraviglie [di quelle antiche, solo le piramidi restano gloriosamente in piedi]

Oltre a votare, si può fare un giochetto simpatico, del tipo “visto/da vedere/evitabile”, tutto sempre molto soggettivo.

Sogni, almeno per me, al momento.

lunedì 16 aprile 2007


La PAT nell'ambito dei suoi progetti di educazione ambientale distribuisce una specie di segnalibro, con cui potete provare ad indovinare i tempi di smaltimento di alcuni rifiuti (vetro, lattine, ecc...) nell'ambiente: l'ho "sfocato".

Cliccate qui per le soluzioni



venerdì 13 aprile 2007

Così va il mondo, anche da noi

Rinomato bar-pasticceria della città, metà mattina, tavolini all'aperto.

10.28: alla cameriera cade una brioche al cioccolato sull'asfalto; la raccoglie, guarda se è visibilmente sporca, la mette da parte.

10.28: occhi aperti!

10.30: brioche al cioccolato elegantemente rimessa nel gruppo

10.30: quesito morale: dirlo o non dirlo? protestare, reclamare avvertire, urlare contro il cielo? [!!]

10.31: brioche al cioccolato già in partenza verso un altro tavolino


...una volta le mamme dicevano...: "son tutti anticorpi"!

L'interrogativo però mi rimane un po' sullo stomaco, così come la brioche che avevo appena mangiato.

I soliti annunci - stavolta leggermente più credibili




giovedì 12 aprile 2007

Col computer risolvo problemi che prima non avevo...

Vai su google maps

clicca su INDICAZIONI STRADALI

scrivi in indirizzo di partenza: MODENA

scrivi in indirizzo di arrivo: VERONA NORD

clicca su OTTIENI INDICAZIONI STRADALI


e vai al punto 36.

La baita del Presidente

Uno dei luoghi comuni più radicati riguardanti la Valle dei Mocheni dice che ci sia una certa "chiusura" al forestiero.
Che la gente del posto non venda nulla “agli stranieri”, anche solo di Pergine, nemmeno una baita. Personalmente, tutte balle, ho sempre trovato persone ospitali.

Apprendo dal giornale che Dellai [presidente della Provincia] ha acquistato un "bait" tra Roveda e Kamauz, da ristrutturare, attratto dalla cura delle Amministrazioni locali per l’ambiente e uno sviluppo sostenibile [vabbè…ndB]

mercoledì 11 aprile 2007

martedì 10 aprile 2007

I suoni delle Dolomiti spontanei

suoni delle DolomitiNe avevo scritto, e non direi molto entusiasticamente, tempo fa.

L'altro giorno mi capita di passare da Malga P. [aprile e maggio son mesi un po' strambi per andare in montagna, la neve si scioglie a macchie: c'è e non c'è] e mi ritrovo l’unico spettatore. Peccato che al mio ritorno se ne fossero già andati

domenica 8 aprile 2007

Pasqua.

Iniziano a fiorire i ciliegi. In mezzo al bosco, al limitare della campagna, compare qualche macchia bianca, selvatica.

Il paesot è avvolto in una nuvola bianca.

venerdì 6 aprile 2007

Post tematico: i soliti annunci

Leggete e ridetene tutti.

Ps. oggi è venerdì Santo. Nel parco di Ingegneria si è organizzata per anni una colossale braciolata...
[ora non saprei dirvi se la tradizione continua]

giovedì 5 aprile 2007

Roberto Moroni – Perduto per sempre

Ho raccolto il consiglio del blog di Pulsatilla [ora, povera piccola, ha molto meno tempo per scrivere...] ma non ho avuto fortuna.

Di mio, sono sempre scettico verso un’opera dotata di proprio sito web dedicato, in cui tra l’altro i contenuti latitano. Ma l’inizio - il primo capitolo - è stato positivo. Quanto al resto, ho fatto una gran fatica ad arrivare alla fine.

La vita narrata in prima persona di un rampollo romano, vissuta sull'asse Milano – Roma. Boh. Sarà che noi qua siam gente di confine [esistono miriadi di confini, non solo quelli tracciati su una carta geografica], ma proprio non ho trovato quasi nulla che catturasse la mia attenzione o mi arricchisse.

Troppe chiacchiere, troppi ragionamenti, troppe menate. Almeno secondo me.

martedì 3 aprile 2007

Blade Runner

Premessa: leggetevi i titoli di coda.

Un'info: Steven Sibèn da noi può essere tradotto come "Stavamo Cosìbene" :)


"Supermario Trento non poteva rinunciare al brivido di doppiare un classico del cinema come la scena finale di Blade Runner...ovviamente...en Trentin!! Occhio ai titoli di coda!"

Sideways – In viaggio con Jack

Sideways – In viaggio con JackQui non credo di aver mai parlato di cinema. Ma senza motivo, in effetti.

Senza contare che l'effetto-Vinitaly è sempre lento a passare, tutti gli anni la stessa storia...

Sideways [le traduzioni dei titoli sono sempre fantasiose, da noi] è un film fatto con budget basso ma con un'idea di partenza intelligente [il che è molto più raro].

Due amici californiani: il bruttino-intellettual-depresso ed il belloccio-che-si-sposa-fra-poco intraprendono un tour enogastronomico nella Napa Valley. Il primo è un grandissimo appassionato di vini, l’altro di donne...avranno gratificazioni e [soprattutto] problemi da entrambi.

Un lavoro fatto con due dollari, ma partendo da un'idea intelligente. Certo a noi popolo di vignaioli può fare una certa impressione sentir cantare le lodi di riesling e pinot nero californiani...mi piace pensare al film che sarebbe potuto essere, se ci avessero pensato un toscano o un piemontese.

PS per noi trentini: l’intellettuale-sfigato-appassionato considera pessimo il merlot :)

PPS quando [ma quando??] uno dei miei amici manifesterà propositi matrimoniali gli farò vedere Sideways...