lunedì 31 dicembre 2007

L'ultimo giorno dell'anno

Per la notte più lunga dell'anno le ho provate un po' tutte.

14-20
In giro a spetardare [ora li odio quelli che fanno così]
In giro a sbevazzare.
In giro a far più tardi possibile, come minimo l'alba.
In giro a cercare di conoscere [farsi] qualche tipa.

21-29
Montagna con/senza neve.
Piazza.
Piazza all'estero. Montagna all'estero. Spiaggia all'estero [poi comunque, dagli altri italiani non sfuggi]
Cenone costoso in mezzo a sconosciuti che restavano tali anche dopo infiniti bicchieri.
Cena alla buona tra amici.
Discoteca.
Pub.
Baita.
Bivacco.

>30 . . . .
Un posto tranquillo, in buona compagnia :)


Decisamente il valore che davo e le aspettative che riponevo cambiano con l'età: a 15 anni l'ultimo dell'anno è diverso da quello dei 20. Che è diverso da quello dei 30...e così via, immagino.


Foto: Agh [che ringrazio e saluto]

Addio, 2007


Molti quotidiani ed alcune riviste al finire dell'anno pubblicano un riassunto con gli avvenimenti più importanti dei 12 mesi trascorsi.


Dovessi farlo io, così su due piedi, non mi verrebbe in mente niente. Lo dico perché appunto mi son fermato a pensare a cosa mi è successo, di bello e di brutto, nel 2007: tabula rasa.


O meglio, ricordo piccoli particolari, singole sensazioni, più che specifici avvenimenti.
Suoni, profumi, pensieri.
Ma c'è anche da dire che non ho una gran memoria per le date.

In ogni caso, il 2007 è volato: la mia solita inquetudine mi dice che è passato senza averlo vissuto pienamente [balle][mi capita tutti gli anni, di non esser mai soddisfatto]


Per l'anno in arrivo, un semplice/futile proposito: andare in montagna il più possibile.

venerdì 28 dicembre 2007

Evoluzione o involuzione?


Mentre in ufficio facevo mente locale su cosa manca a casa, che poi si va a fare la spesa [manca di tutto...facile], notavo che 10 anni fa il sixpack di birra era sempre immancabile in cima alla lista.

Ora è stato immancabilmente sostituito dal sixpack di carta igienica.



Tirando le somme:
dieci anni fa la spesa era costituita da: birra, patatine, ancora birra
cinque anni fa: vino rosso, deodorante per l'uomo che si illude di non dover chiedere mai, profilattici
oggi: carta igienica


[in caso di catastrofe nucleare tenetemi presente: ho scorte per mesi]

[questo post quasi quasi lo caccio anche su Averetrentanni]

giovedì 27 dicembre 2007

Un altro natale passato incolume [ma il mio fegato la pensa diversamente]


Visto che non sono granchè religioso [questo è un modo molto diplomatico per definirmi], mi rendo conto di vivere il natale con un pizzico di cinismo di troppo: lo ammetto, non me lo godo come dovrei.


Tocca proprio affogare il dispiacere nella classica abbuffata coi parenti, ripetuta il 24 sera, il 25 pranzo, il 26 sera [a noi le targhe alterne non ci toccano].



Ora, sempre per restare in termini crossover-religiosi, inizia un doveroso ramadam per recuperare un minimo di fegato.


mercoledì 26 dicembre 2007

Doverosa aggiunta al post natalizio


Non ci sarà la neve, ma al mattino qualcosa di bianco si vede: finchè non arriva il sole, campi, strade, auto e tetti brillano di un dito di gelida brina.

Brrrrrrrr

[prima che vi spaventiate: la foto non è mia]

martedì 25 dicembre 2007

Natale senza neve

Andare a pranzone [inteso come mostruosa abbuffata di rito] coi parenti, col cugino vivace che ti continua a versare vino nel bicchiere, la zia che ogni anno ti fa la stessa identica domanda ["Con chi ti vedi adesso?""Quand'è che ti sposi?"][E' vero, sono DUE domande...ma sempre le stesse due], mangiare e bere e sorridere e abbracciarsi e sentirsi chiedere mille volte come va e è una vita che non ti vedo....questo per me è il natale.

Anche questo, cioè.

Però guardar fuori dalla finestra durante il pranzo - anche per cercare involontariamente una via di fuga - e veder la montagna di fronte al ristorante totalmente priva di neve, bè, è strano, ecco.

lunedì 24 dicembre 2007

Supermario again?

Pare che girino per la rete nuovi doppiaggi, o comunque nuovi video.

Mmm indagherò :)


Intanto, a tutti

Bòn Nadal!


Se non sapete cosa regalare a Natale....


Se avete preso la 13esima e non sapete come spenderla [dubito...] ecco qua il regalo che nessuno dei vostri cari si aspetterebbe di ricevere :)

sabato 22 dicembre 2007

Arriva il natale e tutti son più buoni?


Da piccolo ovviamente il natale aveva tutta un'altra atmosfera. Innanzitutto si credeva a quello che ti dicevao i genitori: Babbo Natale portava i regali senza voler essere pagato in cambio, le renne volano trainando la slitta piena di pacchetti, se non fai il bravo rischi che non arrivi il regalo, ma magari un bel ciocco di carbone...

...un pochino le mamme ci giocavano sopra: ricordo la mia, ci teneva che alla vigilia mi preparassi all'evento lavato, sbarbato e profumato [sbarbato come può esserlo un bambino di sei anni, s'intende]. Un'altro diktat era: ""a natale sono tutti più buoni, non vorrai mica esser l'unico cattivo?""

Ahhh...le mamme.


Tutta questa divagazione per dire che ieri sera ero al pub in compagnia: Zero ed un certo "el Panda" [appena fatta la patente guidava una Panda] non si possono vedere. Atmosfera un po' di sca220, finchè el Panda non si alza per andare al cess...bagno.


Zero: quel tipo mi è sempre stato sul cul0
B.: ma chettefrega
Z.: si si mi sta qua [mimando]
B.: oh è natale...non te lo diceva mamma Zera che a natale bisogna esser più buoni?
Z.: intanto oggi è il 21, bello mio
B.: .....
Z.: e comunque quel tipo si vede lontano un kilometro che non tromberà per anni e anni...a gratis intendo
B.: eccolo......il principino...bon nadal!
Z.: oggi è il 21...bè, ora è il 22 comunque ci siam capiti

venerdì 21 dicembre 2007

Blog bellino


Quando non ho voglia di impegnarmi per scrivere, linko qualche sito che mi è piaciuto.



Su Postsecret trovate "cartoline" - spesso artistiche, a volte semplicemente strambe - inviate dalla gente comune.

giovedì 20 dicembre 2007

Pane e volpe a colazione

Due parole sull'episodio avvenuto pochi giorni fa, riguardante il ragazzo che ha rischiato di morire assiderato sul Lagorai.

Pare che, salito sopra Malga Lagorai con altre due persone, abbia deciso di separarsi per andare a raggiungere una cima soprastante, e da lì ammirare il tramonto.

Qualche lettrice potrebbe pensare che è molto romantico, ma così facendo si mette a repentaglio la propria incolumità e quella dei soccorritori.

Premesso che
  • non sono affari miei
  • non conosco la dinamica esatta
  • l'articolo sull'Adige l'han fatto scrivere a RMGrosselli [mah!]
diciamo che ho comunque una mia idea...sintetizzata nell'immagine sottostante.

Fortunatamente stavolta è andata bene.


mercoledì 19 dicembre 2007

Jonathan Coe – La famiglia Winshaw

Ogni suo libro mi spiazza. Davvero: non riesco mai a capire se mi piace o no, alterna sensazioni opposte.

Credo che J. Coe sappia scrivere e sappia delineare trame interessanti, ma la sensazione che mi lascia una volta conclusa la lettura è strana.
Proprio così.
Scrive libri piacevoli ma un po' strani.
Imbevuti del suo spirito british e di una visione progressista, piacevoli, umani, ma strani.

Qui si narra – racconto nel racconto, film che diventa vita vera – la storia di uno scrittore e parallelamente quella di una grande famiglia di capitalisti: gli Winshaw appunto. Un branco di ipocriti, ladri, avidi [appunto, capitalisti….]

L'epilogo è avvincente: [quasi] tutti i membri della famiglia vanno incontro al loro destino. Ma è l'ultima pagina a spiazzare: anche il protagonista, il "buono", quando sembra aver trovato sé stesso in realtà finirà per………………….

martedì 18 dicembre 2007

-7 [meno sette]


Stamattina al paesot il termometro segnava -7 gradi.

Sul parabrezza, per "salvarlo" in vista del mattino, avevo appoggiato una bella coperta...ma andando avanti così dovrò coprire tutta l'auto...non vorrei mai che il motore mi prendesse la tosse :p

Si tratta solo di tener duro e arrivare al 27

Pur avvertendolo meno rispetto agli altri anni, sono comunque intrappolato in pieno nel ciclone regal-natalizio: ieri sera, tornando da Trento, mi sono fermato al centro commerciale di Pergine per farmi la spesa.


Banale errore.


Strade piene, parcheggio pieno, scale mobili piene, corridoi pieni. Vecchietti in evidente stato confusionale, come del resto qualsiasi adulto che avesse nelle vicinanze un figlio sotto i 14 anni [sopra quell’età appare improbabile che si vedano INSIEME genitori e figli]. Tutti a guardarsi in giro, parlottare, confrontare, ma ben pochi a fare acquisti: tra mutui, ICI, inflazione e aumenti vari non è il momento più propizio per spendere troppi soldi.


Ad ogni modo, se non riuscite a sottrarvi al vincolo di fare il regalo ai vostri cari [che magari vedete una volta all'anno, e quella volta vi basta], e se avete un certo gusto del brivido, nell'altro centro commerciale di Pergine c'è un negozio di cose usate.

Visto che un regalo bisogna farlo e che la gente ha già tutto, perché non buttarsi nel trash?


Mi spiace solo per quel povero capriolo in vetrina.




sabato 15 dicembre 2007

Il sistema ti sistema


Questi pochi giorni di agitazione e blocchi da parte dei camionisti mi ha ricordato una volta di più quanto siamo inevitabilmente dipendenti dal sistema petrolifero

venerdì 14 dicembre 2007

Babbo Natale scoppiato


Chi passa per la Valsugana [e siamo in tanti] nel periodo natalizio deve fare i conti col golem: un pupazzone gonfiabile di Babbo Natale, eretto nel parcheggio del centro commerciale alla Mochena, proprio sopra la strada.

Conosco gente che ogni anno gli promette azioni di rapimento/vandalismo [modello "comitato di liberazione dei nani da giardino"]. Non so come vada a finire. So che "lui", ogni anno, ritorna.

Bè, qualche giorno fa l'ho visto piegato sul fianco, un po' sofferente. Chissà che gli è successo, forse i reumi, forse un malanno dovuto al vento freddo che sta soffiando impietoso, forse un brutto scherzo.


Ed io, che per questo tipo di golem non provo simpatia, ho comunque avuto un moto di tenerezza.
Ma è stato un attimo: ho guardato le auto ammassate nel parcheggio, le formichine che spingevano frenetiche i carrelli.
Ho sentito le voci dei piccoli consumatori, perfetto target natalizio.


E mi sono subito ripreso.



giovedì 13 dicembre 2007

lunedì 10 dicembre 2007

Bill Bryson - Diario africano


Bill Bryson - Diario africanoBill Bryson, viaggiatore ironico.

In questo agile libretto [dico agile per non dire corto] il buon Bill vola in Kenya, lontano dalle spiagge turisticizzate: viaggia con una onlus nelle campagne, venendo a contatto con la realtà del Paese e raccontandola col consueto tocco leggero.

Chi compra il libro, pare doni parte del prezzo di copertina a Care International, la onlus del libro.




Qui una recensione migliore.

domenica 9 dicembre 2007

Piccoli fiocchi

Oggi in montagna nevicava fino fino...

giovedì 6 dicembre 2007

Massì dai





Che dite? Che questo post vi interessa ben poco? Anche a me...solo che domani sarò in ferie e ho già staccato la spina al cervello: quindi...

mercoledì 5 dicembre 2007

Suore...!

Stamattina davanti a me in coda c'era una Fiat Uno contenente 5 veli bianchi: esatto, suore.

Confermo il luogo comune che guidano da culo.
Per l'altro luogo comune [che portano sfiga] per ora qui tutto ok...

lunedì 3 dicembre 2007

Strange day


Niente da dire, la giornata di oggi - meteorologicamente parlando - non l'ho proprio capita.

Caldo, nebbia, nubi sulle cime...una per ogni cima [persino sul Celva...], sole, bagnato per terra, umido, venticello, niente ghiaccio sulle auto, buio presto...



Comunità

Trovo molto buona l'idea del Comune di Pergine [una volta tanto...] di creare un'area dove poter interagire con i cittadini.

Non il classico veicolo promozional-politico nè il delirio megalomane del potentucolo di paese: i temi proposti sono attuali e a volte anche scomodi.

Due sezioni, blog e forum, a dire il vero abbastanza simili ma entrambi interessanti. Peccato solo che la partecipazione al momento sia molto molto scarsa, forse sconta una scarsa pubblicità, o il classico periodo di "rodaggio".


Tra le tematiche discusse e/o proposte: lo sviluppo di Canezza [troppe speculazioni], la variante mochena, i nuovi parcheggi a pagamento, la raccolta differenziata...insomma i problemi di un qualsiasi Comune.

Già il fatto che vengano resi trasparenti è positivo, secondo me. Speriamo aumenti il numero di interventi.

sabato 1 dicembre 2007

Wow...la tecnologia


Ieri sera cena di gruppo in un noto locale cittadino [si esatto, sempre quello, pizze grandi ma non giganti come quelle della pizzeria di Centa, ok?]

Le cameriere - tutte carine e credo tutte dell'Est - filano tra i tavoli: nel prendere le ordinazioni estraggono il loro bel palmare di ordinanza, la micropenna [o comesichiama], tic, tic, tac, ecco fatto.


Sapete com'è quando si è in compagnia, si scherzava e da parte di qualcuno - non guardate me - è partita qualche stizzata* alle gentili cameriere. Caso vuole poi che queste molto professionalmente ci abbiano ignorato [saranno abituate ai mosconi, temo] e che poi ci sian stati contrattempi sull'arrivo dei cibi, per cui si ipotizzavano le seguenti diavolerie tecnologiche.


Trullo: insisto che se mi metto entro nel loro sistema
Coro: bon, facci portare da mangiare
Tru: pensate che bello se oltre ai codici per le ordinazioni avessero anche dei tasti speciali per mobbizzare i clienti antipatici
Ber: tipo tu stasera?
Zero: per Tru che fa il moscone, pizza bruciata!Anzi no, ha preso il pesce, allora glielo fanno apposta crudo!!
Tru: la tua bistecca con la salsa tartara, ci sputano dentro!
Marco: col culo che ho io, useranno la modalità "porta da mangiare a tutti tranne che a quello lì" e poi quando siete tutti al dolce arriva la mia roba
Ber: e poi c'è anche la finta di passaggio! Quando arrivan con lo stesso piatto che hai ordinato tu, si dirigono verso di te, sfiorano il tavolo e lasciano il piatto sul tavolo di gente che è arrivata mezz'ora dopo di noi
Tru: adesso entro nel loro sistema e vi faccio mangiare male
Tutti: ma vaaaaaa....non esistono 'ste cose
Tru: si si e già che ci sono cerco il numero di cellulare della cameriera bionda
Tutti: ...


Peccato che, pagando alla cassa, non abbiamo sbirciato sullo schermo dove vengono raccolte le ordinazioni....



*stizzare = scaldare a legna, ma anche "fare la corte"

venerdì 30 novembre 2007

Caldo dentro


Oggi in pausa pranzo - saran state le due e ci saran stati, che so, 7, forse 8 gradi, non di più - ho visto per strada un fenomeno: inteso come un ragazzino sui 15 anni in t-shirt, jeans e zainetto.

Niente di particolare?

No certo, però indossava SOLO una t-shirt...


NB: l'immagine a fianco è da ritenersi puramente indicativa

giovedì 29 novembre 2007

Si chiude pian piano novembre...

...e visto che da qualche tempo non sbircio le statistiche, ecco cosa cerca chi capita sul blog.


I grandi classici [mese per mese immancabili, direi lo zoccolo fisso dei visitatori casuali]:

danilo gallinari/attilio grilloni
mtv digitale terrestre [non la trovate più nemmeno voi vero? puff! scomparsa...ma comunque il dtt è il ffuturo, dissero]
33 trentini [il classico dei classici...]
blog strani
(trotterellando) [anche questa...fa il paio con due righe sopra]
cerco falco pellegrino/vendo falco [ci dev'essere un mercato di falchi incredibile in Italia]
consigli montaggio armadio pax ikea/montaggio letto malm/divani rasoterra [IKEA docet]

Gli ermetici [chissà che cercavano?]

sceme
naomi nome tn grafico
ristorante forte e chiaro
tg 15 gennaio 1990
logo di mtv furi furi
nunzia a scemo

I divertenti

marcovaldo e i funghi di città inventa... [gran libro, gran racconto]
come si dice blog in tedesco [forse....blog?]
morte a plum island riassunto gratis [perchè, c'è anche gente che pagherebbe?]
gaff regalo riciclato [capita a tutti di fare una..."gaff" col riciclo regali]
claudia andreatti piedi nudi [azz...un feticista! povera claudia...]
le 12 fatiche asterix burocrazia [gran cartone]
katuyausi [cosa c'è di divertente? mettetelo in pratica e poi ditemi]

Varie ed eventuali

anthony pyramid
lavori donneschi
arte di arrangiarsi langhe
cannoni sparaneve accesi
come si piegano gli asciugamani [mmmm ne devo riparlare]
formaggio coi buchi
foto di piccioni
foto pavimenti bianchi
titoli di coda blade runner
ziliotto tedesco

Supermario Lost

Non è - purtroppo - il titolo di un nuovo doppiaggio in dialetto trentino di "Super"Mario Cagol.

Solo che l'attività "doppiatoria" pare essersi fermata, e sul sito non c'è più la possibilità di scaricare i video [ma solo di vederli].

Milioni, che dico, miliardi di fans aspettano trepidanti le nuove chicche!

mercoledì 28 novembre 2007

Aulin Nation - giorno IV

Negli USA hanno Prozac Nation, permettemi il parallelo.

Dite che il mix di Aulin, polentaluganega&vinross vada a detrimento del mio equilibrio mentale?

[son stato invitato a cena dalla mamma di Zero]

martedì 27 novembre 2007

Al terzo giorno [di Aulin] si alzò e disse ai suoi discepoli:


Un'infiammazione alla spalla mi costringe a doparmi [si fa per dire, eh].

Al terzo giorno consecutivo di antinfiammatorio inizio a manifestare inediti effetti collaterali in ditta. Inediti per il bugiardino, s'intende.

Ora, sorvolerò sugli effetti in questione [anche perchè non me li ricordo] [speriamo solo che al lavoro non decidano di aderire a qualche programma di controllo delle urine] dedicandomi alla notizia che mi è praticamente passata sotto il naso in questi giorni un po' ovattati: i Savoia voglion esser risarciti dallo Stato italiano per l'esilio patito.


Ora, la cosa in sè mi interessa ben poco, in compenso mi porta un tenero ricordo della nonna materna, fieramente monarchica e fieramente agnostica [le due cose possono convivere?].

Comunque sia, se volete lggervi cosa ne pensa la gente, andate qui.

lunedì 26 novembre 2007

I sondaggi de "L'Adige"


La sezione online del quotidiano dedicata ai sondaggi mi da sempre delle risposte interessanti.

Nel caso di fianco, anche divertenti

ps. solo il 67%?



NB. per i lettori "stranieri": le nominations son tutte di assessori provinciali

Errata corrige




Allora...vedete l'immagine sopra?


E' la dorsale che da "La bassa" conduce al Fravort e poi, più avanti, al Gronlait...volendo si può percorrere in quota tutta la catena che cinge la Valle dei Mocheni, arrivando fino a passo Redebus. Farla in una giornata è un progetto che io e Zero accarezziamo da quando avevamo ventanni, e un giorno o l'altro lo faremo.

Un giorno senza neve però, per non rallentarci troppo e per sfruttare le giornate lunghe estive.


Ad ogni modo, la foto sopra non è mia e non è attuale: ho googlato e l'ho presa in prestito.

Dopo due giorni di pioggia intensa, freddo e nuvole a coprire le cime, uno si aspetterebbe un metro di neve, una volta dissolte le nubi in questione. Invece niente, sabato pioggia fino ai 2000 e neve sopra quella quota, ma non troppa. In più oggi c'era un vento strano, quasi caldo, quasi di föen.


Quindi, stamattina, cielo sereno, luna piena: occhiata curiosissima alle cime. Neve?

Pochina.
Sul Fravort, ok, ma sulla parte sommitale dove non c'è vegetazione. Sopra i 2100, più o meno.

Un amico in Paganella mi ha detto che da loro è scesa fino ai 1700, e che secondo lui resterà solo nei canaloni e al revers*


Dicono che verrà il freddo, per cui non demoralizzatevi, la prossima nevicata sarà quella giusta :)




* in ombra


sabato 24 novembre 2007

E neve fu!


Ve ne importerà poco, ma se domani tornasse il sereno [come prevedono alcuni meteo-siti] si potrebbe proprio inaugurare la stagione sciistica [ciaspolistica, scialpinistica&co. - l'importante è andare fuori pista per star lontani dagli impianti!]

USA Costa occidentale, Montagne rocciose, stati sudoccidentali – Nelles Guide (autori vari)

Oggi che si è chiuso il sondaggio, e che piove a dirotto, vi propongo questa bella guida, capace di mescolare buone cartine e foto, consigli utili e curiosità.

Gli itinerari si snodano tra West Coast, parchi nazionali, i miti della Route 66, dei nativi americani e del Far West.


Alcune curiosità?

La Winchester mistery house, le dimore indiane sulle mesas [abbandonate senza motivi apparenti, e senza preavviso], le meraviglie naturali, la cultura indiana, le eruzioni vulcaniche nella zona di Seattle [molto meno piovosa di quanto sembri] e i geyser di Yellowstone...


Philip H. Sheridan (generale statunitense), 1866 : ""Se io fossi il proprietario del Texas e dell'inferno, affitterei il Texas e abiterei all'inferno""

Mah...se lo dice lui...

venerdì 23 novembre 2007

50 cose

50 coseCinquanta cose che salveranno il Pianeta.

Sempre che i Governi le facciano

...personalmente la vedo dura...

giovedì 22 novembre 2007

Venezuela? Naaaaaa

Guide APA - Venezuela

Una catena di guide turistiche particolare, questa: in copertina i volti degli abitanti del Paese di riferimento, niente paesaggi, monumenti, fauna.


Il Venezuela, che mi incuriosisce, viene dipinto come Paese molto cattolico, arricchito dal petrolio dove si tende a stabilire relazioni superficiali, a fare shopping e a dar peso ai concorsi di bellezza [chirurghi estetici e telenovelas sono istituzioni locali]

E se state pensando che sono prevenuto, che non è possibile che una guida parli principalmente di argomenti così, e che se è vero non andrete mai e poi mai in V., sono pronto a prestarvi il libro :)

[in realtà l'hanno prestato anche a me, ma per voi lo recupero subito]

mercoledì 21 novembre 2007

Pensiero debole

Il titolo è altisonante. E fuorviante.

Debole semplicemente perchè mentre facevo la spesa, nel reparto delle merendine preconfezionate ho ceduto ad un'invitante confezione di Buongiorno M al cioccolato [occhei, nome taroccato per non far pubblicità, ma tanto poi lo vedete a fianco...]


Un bel packaging accattivante, la promessa di una sorpresona di Shrek all'interno, il cioccolato: in pratica stavolta ho tradito le confezioncine di merendine simil-discount, anonime e bulgareggianti, ma buone uguali.
O anche di più, visto che l'impasto del prodotto in questione ho scoperto essere piuttosto secco, e la promessa di Shrek un semplice adesivo di 3x1,5 cm.


Insomma, col senno di poi, mi pento e mi chiedo cosa mi abbia spinto al tradimento. Forse qualche condizionamento più o meno inconscio? La pubblicità in Tv, la confezione, Shrek?


Qualunque sia la risposta, comincio a capire la frustrazione di un qualsiasi padre che si vede scavalcato, nella scala di valori dei propri figli, dai Power rangers o dai Digimon. O dai Gormiti. O dalle Winx. La Barbie. Insomma, ci siamo capiti no?

martedì 20 novembre 2007

Top 10 Grunge Songs of All time

Quanti ricordi.

Magari non userei la parola nostalgia, ma ricordi si, tanti.


Bè, ne parlo perchè sono capitato su questo filmato di Youtube [e, per inciso, non sono d'accordo con le scelte fatte]

Sandra Frizzera - Alba sulla Bersntol


Ero curioso di leggerlo. Dico subito che l'ambientazione è [ovviamente] suggestiva: la Val dei Mocheni. L'autrice dimostra un genuino attaccamento alla Valle e un onesto lavoro di documentazione, ben coadiuvato dall'istituto culturale.


La Frizzera è una tenera anziana signora che infatti mi ricorda mia nonna. Diciamo che non credo di rientrare esattamente nel target dei suoi lettori: ho fatto un po' fatica ad entrare nel ritmo della lettura [secondo me troppe virgole!]. Alcuni toponimi mi sembravano "strani" [esempio il monte Terrarossa che non ho mai sentito: forse si riferisce alla Marzola]


""Che altra valle c'è che possa vantare le caratteristiche della nostra? Lo sai che grandi scrittori si sono interessati a questa valle? Musil, Ziegher, Brentari, Sebesta, Faganello, Gorfer ne hanno descritto le sorprendenti peculiarità.""

lunedì 19 novembre 2007

Forza SAT!


Sperando che non sia solo un'uscita giornalistica: la SAT trambusta contro i poteri forti [politici, economici, che poi ormai son la stessa cosa].


Bravi.


La goccia che ha fatto traboccare il vaso: il prolungamento di una pista del ca22o in Paganella [vi ricordo che sempre sulla medesima montagna pochi mesi fa le ruspe, spianando per creare un'altra pista avevano accidentalmente [?] ostruito l'ingresso ad una grotta accatastata] [vale a dire, una grotta ca22uta, non proprio en bus font sol dò metri*]



* un buco profondo solo due metri

venerdì 16 novembre 2007

Dura lex sed lex


[tratto da L'Adige.it]

FIEROZZO - Sentenza di primo grado pesante a carico del sindaco di Fierozzo Diego Moltrer e del geometra Fabio Eccher di Trento per la vicenda di terreni a pascolo che il comune acquistò dal sindaco, comproprietario con la moglie, in zona Malga Valcava (alta valle del Fersina) ad un prezzo assai maggiore rispetto a quello d'acquisto.

Nella tarda mattinata di ieri il tribunale di Trento in composizione
collegiale (presidente Carlo Ancona) ha condannato ad 1 anno e 400 euro di multa per truffa ai danni del comune Moltrer ed Eccher, concedendo peraltro le attenuanti generiche. I giudici hanno inoltre disposto la confisca di 81.010 euro, prevista dalla norma quando la truffa penalizza l'ente pubblico, con somma da destinare allo Stato. L'importo risulta dalla differenza tra il valore dei terreni stimato come reale e quello praticato all'atto della compravendita, fissato in circa 115.000 euro. Moltrer è invece stato assolto dal reato di abuso in atti d'ufficio e per falso.

Assolta pure la moglie del sindaco dall'imputazione di truffa.


[...segue su L'Adige.it]

giovedì 15 novembre 2007

La telefonata alla vecchia zia


Penso sia un po' una figura classica: in gran parte delle famiglie c'è una vecchia zia un po' stramba che vive sola.

La mia è spettacolare: le voglio davvero bene.
Quando si va a trovarla per far due chiacchiere può offrirti un succo di frutta scaduto nel 2001 [ottima annata], dirti che va un attimo nella dispensa [per poi tornare mezz'ora dopo, e la dispensa è la stanza di fianco] o perdersi in una requisitoria contro Berlusconi o i preti [ripeto, le voglio bene].

Purtroppo non sempre si arriva a passare da lei, per cui mi sono imposto - ma non è un peso, anzi - di telefonarle minimo una volta in settimana.

Le conversazioni sono un po' surreali, ma hanno una costante inderogabile:

B.: ciao zia! come stai?
Z.: eh dai, qualche malanno. Guarda, passati i settanta iniziano gli acciacchi!
B.: ...
[io ce n'ho anche passati i trentanni, acciacchi...]
Z.: senti...ma la metti la maglia di lana vero?
B. [mentendo]: ovviamente zia! Lana grossa per giunta
Z.: ah ecco bravo! Non so io quelle ragazzine che girano con la panza scoperta cosa hanno in testa!
B. [lo so ben io]: certo zia, proprio non le capisco...ma la pagheranno cara, passati i settanta!



mercoledì 14 novembre 2007

Tanti in attesa della neve


In questi giorni vedo persone sicure che nevicherà a momenti. Molte.


In effetti alcune previsioni meteo non escludevano deboli nevicate anche a bassa quota: dall'inizio della settimana però c'è un bel venticello freddo che non disturba le ben poche nuvole sparse qua e là nel cielo.

Probabilmente la gente si aspetta - come tutti gli anni durante l'autunninverno - la prima nevicata, arrivando quasi ad idealizzarla.
Salvo poi iniziare a lamentarsi quando, nelle città, la ammucchiano e diventa color grigio-smog, quando iniziano il traffico, i disagi: siamo fatti così.


Tutto sommato nelle città i casini restano contenuti...

Approfitto di questo trafiletto de "La Bacheca", mi sembrava in argomento :)




NB: Canezza: paesot alle porte della Val dei Mocheni

martedì 13 novembre 2007

La mappa del Concilio



Trento è una città piccola ma piena di storia [eh si, quando han vinto l'appalto per organizzare il Concilio, 500 anni fa, han fatto un affarone].


E i trentatrè trentini? Fanno il giro al sass, si guardan le vetrine, si imbrumano*, passan davanti ai palazzi storici e non sanno nemmeno cosa rappresentano

Io per primo, intendiamoci [a parte la parte sulle vetrine][e scusate il gioco di parole].


Insomma, ora il Comune ha pubblicato una bella mappa della città con i luoghi del Concilio: sul retro le descrizioni e qualche aneddoto.

Idea carina.



* si imbrumano: non so se è dialetto o italiano, cmq si ghiacciano


lunedì 12 novembre 2007

Chi massa e chi miga




Traduzione: chi troppo, e chi troppo poco [o peggio, niente]


Non esattamente come dire "chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane".

Ma ancora più distante da "moglie piena e botte ubriaca" o "piove sul bagnato".

Insomma, al momento non mi viene in mente nessun equivalente in italiano [a parte la traduzione letterale, s'intende].
Sono sicuro che c'è, aiutatemi.



Il senso del post comunque è che la Val di Fiemme e la Valle dei Mocheni disteranno una quarantina di km, ad occhio. Ma fate un po' il confronto con la neve sulle cime...




[foto sopra: Valle dei Mocheni sopra Val Cava/Erdemolo]
[foto sotto: Val di Fiemme sopra Cavalese]

[le altitudini sono grossomodo le stesse]

Scent of...



Stamattina in auto c'era un profumo forte di...yoghurt.

Cioè delicato. Ma forte. Il profumo.

A parte le contorsioni verbali, non riesco a capire da dove arrivi.

[sempre che l'ultima volta che ho fatto la spesa non ne abbia disperso un vasetto...ma me ne sarei accorto...spero]

venerdì 9 novembre 2007

Elogio del vento



Questa è una rappresentazione del cielo di oggi [niente foto; un semplice riempir colori sul pc].

Stamattina il cielo era impenetrabile, sembrava annunciare il freddo, e la neve.
Le persone, la città stessa pareva prepararsi al peggioramento [non avrebbe comunque nevicato, lo zero termico è ancora situato troppo in alto benchè prevedano scenda]

Nel giro di una mezza mattinata è arrivato il vento, ha portato con sè il freddo, d'accordo, ma ha spazzato via ogni nuvola: nel momento in cui scrivo, fuori dalla mia finestra è tutto azzurro.


A molti il vento non piace: causa loro mal di testa [probabilmente dovuto al fatto che quando soffia forte ti posson finire addosso i vasi di gerani?].


A me dà carica.


Mi piace attraversare i mulinelli di foglie, mi piace vederle cadere e sentirne lo scrocchiare sotto i piedi, o il lieve appoggiarsi sul tetto dell'auto.

Peccato solo che gli alberi, poi, restino sempre più nudi.








[Poesia lunghetta...ne pubblico un estratto]

Ode al vento occidentale - Percy B. Shelley

Oh tu vento selvaggio occidentale, alito
della vita d'autunno, oh presenza invisibile da cui
le foglie morte sono trascinate, come spettri in fuga

Da un mago incantatore, gialle e nere,
pallide e del rossore della febbre, moltitudini
che il contagio ha colpito: oh tu che guidi

I semi alati ai loro letti oscuri
dell'inverno in cui giaciono freddi e profondi
come una spoglia sepolta nella tomba,

Finché la tua sorella azzurra Primavera,
non farà udire le squilla sulla terra in sogno
e colmerà di profumi e di colori vividi




giovedì 8 novembre 2007

Habacuc ed il randagio misterioso


Mi aveva impressionato moltissimo la vicenda - dai contorni in realtà parecchio incerti - narrata da alcuni blog: un artista centroamericano avrebbe esposto un'opera di live art consistente in un povero randagio legato alla catena, e lasciato morire di fame davanti al pubblico del museo.

Inutile dirlo, raccapricciante.

Son convinto che la realtà [purtroppo] superi la fantasia, e che l'uomo riesca a fare tutto il male possibile e anche di peggio.

Leggo però sul blog di Paolo Attivissimo - un'autorità antibufala - che la realtà non è quella che inizialmente sembrava. Speriamo...


mercoledì 7 novembre 2007

Natale è alle porte?



Questo post avrei dovuto scriverlo lunedì scorso, ma poi la pigrizia, la fretta e la poca concentrazione hanno fatto slittare l'argomento.

Insomma, la settimana scorsa al P*l*, nota catena di supermercati trentina, sono comparsi panettoni e altre cianfrusaglie natal-consumistiche. Probabile che siano comparse anche prima, ma io due settimane fa avevo saltato un turno [avevo il frigo da svuotare: niente spesa].


Lunedì poi lungo le vie del giro al sass stavano installando le luminarie. Eh si, sempre meglio prendersi per tempo...

martedì 6 novembre 2007

Piccole perle

"Max serietà"

Ovviamente.