lunedì 31 marzo 2008

Ciclabile


Ebbene si, alla faccia dell'attacco all'ecosistema fragile della già sacrificata sponda sud del lago di Caldonazzo, sabato sono tornato sulla ciclabile. Già frequentatissima, nella foto ne potete vedere un raro scorcio privo di persone [ho dovuto aspettare un momento che passassero tutti...]





La moretta codona non l'ho vista [che se la siano già fatta alla griglia?], in compenso il lago era un tripudio di anatre, folaghe e svassi: qui a sinistra una coppia di anatre "imboscate".








Gli altri li vedete in foto più sotto: sono volatili comuni, ma fa sempre piacere fotografarli [un po' meno pensare a quanti sghitti sparano nell'acqua del lago, che poi chi nuota in estate giocoforza si beve].


Primavera: la natura si risveglia. Come tutti gli anni, le acque sono ancora limacciose, risentono del ghiaccio invernale che non ha consentito una corretta ossigenazione [a me l'hanno spiegata così...poi non è che in estate siano tanto più limpide, eh]







Finiamo con una coppia di svassi.







6 commenti:

Sara ha detto...

Ma queste foto le hai fatte tu? complimenti davvero molto belle!!!1

Bersntol ha detto...

Grazie cara!
La cosa più difficile in realtà è stata fotografar la ciclabile in un momento in cui non passava nessuno...è frequentatissima :)

Sara ha detto...

E' proprio bella la ciclabile, ottimo lavoro per la PAT, peccato non poterla utilizzare con chi vorrei tanto....

Bersntol ha detto...

Pene d'amore?

Sara ha detto...

Ehhh ho riempito un blog a forza di questo... Lasciamo stare che è meglio! Cmq in quella ciclabile ho deciso che ci vado da sola, ma esattamente inizia dopo il Number per intenderci?
ciao!!

Bersntol ha detto...

Si ma mi par di capire che la maggior parte della gente la fa a piedi o con i roller, lasciando l'auto a Valcanover

ps. certo che è veramente attaccata alla strada...passa un camion e senti la puzza di gasolio per un bel po'