lunedì 10 marzo 2008

Lingue&dialetti

Considero lingue e dialetti patrimonio irrinunciabile dell'umanità: da non perdere.

Sono stato a visitare Wikipedia, l'enciclopedia multilingue, nelle pagine, rispettivamente:


Sarebbe simpatico avere l'equivalente in mocheno [bersntolerisch, bersntoler sproch] e cimbro [zimbar]...e perchè no in dialetto trentino. Le risorse per farlo direi proprio che non mancano...

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Da buona veneta mi fa piacere che ci siano queste iniziative.
Certo, non essendo proprio di Venezia, il mio dialetto è un po' diverso ma l'importante "xé capirse".
Nihal

francesca ha detto...

tèi, ma el trentin de trent, o quel dei sòlteri, o quel de Gàrdol?

quel de Plician o quel de Verméi, che i e quasi furèsti? nònesi alti o nònesi bassi, che no i se 'nsomeia gnanca 'n po'? la fas facile, la fas...

Anonimo ha detto...

Come la lingua di Firenze si é imposta sulle altre mi sembra naturale che el trentin de trent si imponga!;¤))
Trentina all'estero

Bersntol ha detto...

In effetti ogni valle ha il proprio dialetto...

...o addirittura, andate a Caldonazzo [influenze ancora cittadine] e poi spostatevi a Levico [inizia l'influenza veneta, anche se loro non vogliono ammetterlo]

Io voto per il dialetto zitadin-trentin di Andrea Castelli :)

francesca ha detto...

e anca scriverlo gió el nòs dialèt, l'e miga facile, l'e 'na lingua parlata non scrita. Ghe voró 'n audio wikipedia, dita gió dal castelli. :D

(con tute le varaibili del caso, tipo:
rugant, porchiet, chet o chit (etc): bestia a quatro ciate e coa col riciol, che fata su a luganeghe mete a taser le beghe linguistiche)

Bersntol ha detto...

Che peccato...sul sito dedicato a Marco Pola www.marcopola.it c'era una sezione "dizionario in dialetto trentino" che era favolosa.

L'hanno tolta...