giovedì 16 agosto 2007

Andare a correre

camporellaPiccola post-illa al post precedente [ah, ah]

Quando si va a correre, sembrerebbe fantastica l'idea di uscire dalla porta di casa, fare 100 metri e trovarsi in mezzo alla natura.

Dal paesot è possibile: qualche passo e si va in campagna.

Stupendo, quindi? Mica tanto.

A parte che la campagna in questione l'è 'n pè *, ma attraversandola subentrano due inconvenienti.

  1. elevato livello di tafani&simili
  2. elevato livello di rottura di palle alle coppie in camporella o ai ragazzotti che cercano di provarsi qualche nuova droga in santa pace
E ve lo dico perchè oggi, un'ora prima del tramonto [mica di notte eh], in quaranta minuti di corsa ho avuto svariati incontri ravvicinati del tipo "2".



* è in piedi, riferito a terreno erto



PS: come vedete dal grafico, le ore più a rischio sono effettivamente quelle precedenti il tramonto. Vista l'esperienza [indiretta] odierna, posso confermare!

1 commento:

Bersntol ha detto...

Mi permetto anche di sollevare qualche dubbio sulla statistica grafica

Posso provare a capire il 5% che va nei cimiteri...ci provo...ma il 7% che va dallo sfasciacarrozze mi turba...